Archivio mensile:aprile 2013

Il Mototurismo: tra alternativa e passione

 

Le vacanze alternative offrono soluzioni particolari e particolarmente indicate per tutti coloro che non si accontentano di trascorrere il proprio tempo libero in strutture turistiche tradizionali, o, comunque non specifiche. Proprio le vacanze alternative si fondano sugli hobby e sulle passioni dell’individuo, mettendo a sua disposizione strutture ricettive specializzate e funzionali per rispondere alle esigenze di appassionati ed hobbisti. Tra i vari settori delle vacanze “tematiche”, e che rispondono alle esigenze con rispettivi Bed & breackfast a tema, spiccano sicuramente quelli che fanno di uno sport una vera e propria icona. Come ad esempio il mototurismo, una tipologia di turismo dedito alla passione per le due ruote e orientata a soddisfare tutte le esigenze dei centauri.

La passione per le moto si fonda su una profonda ricerca dell’avventura, della velocità, del contatto con l’aria e con la natura, ma diventa anche un strumento di socializzazione e di integrazione sociale: ecco che le strutture turistiche dedicate, come ad esempio i vari B&B a tema disseminati per il territorio italiano, si dotano di ampi spazi per accogliere moto club (e relative moto al seguito), per favorirne la condivisione della passione, per far socializzare gli appassionati delle due ruote. Non sono infatti rare le strutture particolarmente orientate ad accogliere i motociclisti, anche per brevi periodi o per eventi specifici organizzati dai rispettivi moto club di appartenenza, ma anche per rendere l’esperienza unica ed inimitabile.

Si possono ad esempio trovare strutture turistiche atte ad accogliere un gran numero di centauri (con relativo mezzo e parcheggi assicurati), anche per una sola serata o per un’intera giornata, fornendo loro tutto il necessario per far sì che l’hobby diventi una vera e propria esperienza di vita e, il rapporto avventura-divertimento-moto diventi una nuova opportunità per tutti coloro che voglio fare di una passione unica un motivo di incontro e di condivisione.

Parco delle Cinque Terre: il sito ora anche nella versione cinese

 

Il numero dei turisti cinesi in Italia cresce vertiginosamente.

La dirigenza di una delle realtà naturali più belle della nostra penisola, il Parco Nazionale delle Cinque Terre, ha deciso di prendere atto di tale situazione e di fornire una traduzione in cinese del sito web del Parco, al quale sempre più persone accedono quotidianamente dalle principali città della Cina.

Secondo l’assessore del turismo della Regione Liguria, Angela Berlangieri, la notizia costituirebbe “una bella novità pasquale, a parte il maltempo che non dà tregua: la presenza sul Web di un sito delle Cinque Terre in cinese va nella giusta direzione, rafforza le motivazioni di una vacanza nel Parco dell’estremo Levante,” – fa notare Berlangieri – “un’area che dimostra una positiva tenuta di arrivi e presenze straniere, in un momento di crisi che è maggiormente avvertita in altre località della Liguria”.

Già dal 2006 è in atto una collaborazione della Regione Liguria con la Cina: per favorire i rapporti tra due siti dichiarati dall’UNESCO Patrimoni dell’Umanità, è stato infatti celebrato un gemellaggio tra il Parco Nazionale delle Cinque Terre e la Società della Grande Muraglia in Cina.

La guida in lingua cinese è stata realizzata nell’ambito del progetto transfrontaliero COREM, patrocinato dalla Regione Liguria e dall’Ente Parco, allo scopo di fornire ai turisti un mezzo di conoscenza completo ed essenziale del territorio. La traduzione in cinese è stata portata a termine in brevissimo tempo e con un esiguo dispendio di risorse grazie ad una collaborazione tra l’Ambasciata Italiana e l’Istituto di Cultura Italiana di Pechino.