Dai tour in cantina, alle cantine in casa, nascono i Wine Club

In seguito alla pandemia del Covid-19 anche le cantine si sono dovute adattare alla situazione che stiamo vivendo, per iniziare a proporre delle esperienze che vanno oltre la semplice vendita di vino online. Per questo nascono i Wine Club, ovvero l’abbonamento di vino più in tendenza nell’ultimo periodo.

I Wine Club sono un’idea che nasce negli Stati Uniti esattamente nel 1972, nel quale un appassionato di vino crea il “Wine of the Month Club“, in cui ogni mese propone ai suoi clienti un vino particolare che spedisce per posta, sempre diverso così che coloro che facevano parte del club potessero sperimentare gusti e sapori sempre nuovi.

Così il Wine Club si diffonde a macchia d’olio, divendendo un modo molto noto per per dare risalto alle cantine, e ricevere ogni mese un numero variabile di bottiglie tra differenti tipologie di vino, bianchi, rossi, rosato e quant’altro.

I benefici del Wine Club per le cantine e il cliente

Il Wine Club non è solo un’enoteca online, è molto di più. Permettere di inviare ai propri clienti delle bottiglie direttamente a casa ogni mese è un’idea eccezionale, permette innanzitutto di far conoscere i propri prodotti, avere dei feedback, e fidelizzare il clienti, scoprendo e sperimentando quello che è il mondo variegato del vino.

Esistono diverse box, come ad esempio la Mystery che permette di ricevere a sorpresa delle bottiglie di vino, oppure la Sommelier Wine Box per effettuare una vera e propria degustazione dei vini in modo professionale e raffinato.

Scegliere un Wine Club giusto garantisce inoltre numerosi vantaggi, come degli sconti sull’enoteca online per l’acquisto di vini, oppure altri privilegi scelti dalla cantina, che possono avere i membri del club.

Il Wine Club un fenomeno in costante crescita

Complice anche il periodo che stiamo vivendo, anche il mondo del vino e delle cantine si è spostato nel digitale, infatti se nel 2019 il Wine Club era adottato da solo l’11% delle cantine italiane, si prospetta che nel 2021 coloro che ne istituiranno uso saranno il 57%.

Il Wine Club permette di raggiungere più clienti possibili e fidelizzarli al proprio prodotto, in quanto si vende non solo il vino ma anche un’esperienza unica nel suo genere, aumentando le proprie conoscenze in materia enologica.

Questo è un modo anche per accrescere la cultura del vino e portarla a livelli sempre più alti, ma alla portata di tutti. Si crea un ecosistema di amanti del buon vino, pronti a sperimentare gusti sempre nuovi e a condividerli, creando una rete molto importante per questo settore.

Il Wine Club è senza dubbio un buon metodo per far conoscere i propri prodotti e aumentare i possibili clienti, facendo riferimento al marketing esperienziale, sempre più amato ai tempi del digitale.

Comments

comments

Lascia un commento