Archivio della categoria: Turismo culturale

Sposarsi in Friuli: tutto quello che dovete sapere

Sono sempre di più i siti ed i magazine online che si sono accorti del grande potenziale turistico celato all’interno della piccola regione del Friuli Venezia Giulia. La Lonely Planet ha infatti definito il Friuli come una delle località imprescindibili per quanto riguarda le mete da visitare assolutamente nel 2016. In Friuli si viene per brevi viaggi di piacere o di lavoro. In Friuli arrivano studenti a studiare da tutta Italia e dall’estero grazie alla qualità dell’istruzione offerta dall’ateneo di Udine, in Friuli si viene però e questo è particolarmente interessante, anche a sposarsi dall’estero.

Questo fenomeno che vede coppie straniere scegliere l’Italia per le loro nozze, è detto destination wedding e negli ultimi anni ha visto affiancarsi alle inflazionate Toscana e Costiera Amalfitana, anche il piccolo Friuli.

Per il vostro matrimonio friulano, se venite a sposarvi dall’estero o da un’altra regione italiana, è sempre bene affidarsi ad una wedding planner professionista che trovi per voi il miglior fotografo mi matrimonio in Friuli, la location per il matrimonio ed il banchetto, il fiorista e così via…

Il Friuli quanto a venues in cui ambientare i festeggiamenti mette a disposizione fondamentalmente due grandi categorie di location.

La prima tipologia di location è rappresentata dai rustici agriturismi incastonati tra il verde e la tranquillità dei vigneti Friulani, siano essi quelli del Friuli Collinare in provincia di Udine, oppure quelli del Collio in provincia di Gorizia. Questi agriturismi sono la scelta ideale per chi desidera un matrimonio in stile country chic, in cui sono i prodotti ed i vini locali a farla da padroni all’interno del banchetto nuziale. Se questi agriturismi sono inclusi in una più ampia azienda vinicola durante i festeggiamenti per intrattenere i vostri invitati, potreste pensare di organizzare un tour delle cantine.

La seconda tipologia di venues invece è rappresenta dalle prestigiose dimore d’epoca. Tra esse figurano: castelli antichi, eleganti dimore di campagna e ville del 1700-1800. Sono la soluzione ideale per chi ha a disposizione un certo budget e desidera un matrimonio romantico e da favola. Il vantaggio di queste location è rappresentato dal fatto che mettono a disposizione una molteplicità di ambienti in cui spostare i vostri festeggiamenti durante il corso della giornata.

Weekend di viaggio a Valmontone

Valmontone è una cittadina in provincia di Roma, famosa in tutta Italia per via del Parco Giochi Rainbow Magicland, il parco divertimenti più importante dell’Italia centro meridionale. Non tutti sanno però che questo paese offre spunti davvero interessanti per il turista a caccia di luoghi poco battuti dal turismo di massa, come Palazzo Doria Pamphlj, le Catacombe di Sant’Ilario e altre chicche deliziose.
Palazzo Doria Pamphilj
Il Palazzo domina l’intero paese ed è, insieme all’adiacente Chiesa della Collegiata, una delle poche testimnonianze storico-artistiche di Valmontone scampate ai pesanti bombardamenti della seconda guerra mondiale. Il monumentale palazzo è stato voluto nel 600 da Camillo Pamphilj e Olimpia Aldobrandini, famiglie nobili dell’aristocrazia ecclesiastica del tempo. Fu fatto costruire con lo scopo di fungere da centro vitale per quella che nelle loro intenzioni doveva diventare la città ideale del rinascimento romano. Ed infatti li furono accolti i maggiori artisti dell’epoca, alcuni dei quali autori degli stupendi affreschi che adornano le varie sale interne. Pregiatissimo il ciclo di affreschi delle sale dei quattro elementi, riconosciute dagli storici d’arte come la maggiore espressione della pittura romana del seicento.
Il palazzo è visitabile gratuitamente il sabato e la domenica. Al vostro ingresso troverete una guida che vi svelerà tantissimi aneddoti appartenenti alla storia recente e remota di questo gioiello nel cuore della campagna romana.
Le Catacombe di Sant’Ilario
Si tratta di un antico cìmitero paleocristiano, tra i più importanti del Lazio. Il nome è strettamente legato al luogo ove furono rinvenute (valle di Sant’Ilario). Il complesso è stato rinvenuto nel 1985 ed è stato completamente portato alla luce nel 1988. Trattasi di catacombe, sicuramente cristiane, scavate tra il IV ed il V secolo, con volta a botte, gallerie e cunicoli. Al centro del lato ovest si apre un emiciclo con muratura a tufelli e mattoni entro cui sono state ricavate delle sepolture privilegiate. Ai lati dell’entrata della catacomba si trovano tombe a loculo scavate a tufo.
Il Museo Archeologico
Valmontone e le terre circostanti sono da sempre luogo di ritrovamenti archeologici. Per questo non poteva mancare un Museo dedicato (Museo Archeologico di Valmontone). Il Museo è stato inaugurato nel 2003 quando, in seguito agli scavi operati per realizzare la linea ad alta velocità ferroviaria, furono rinvenuti numerosissimi reperti. Il Museo si trova proprio all’interno di Palazzo Doria Pamphilj.
Dove dormire a Valmontone
Grazie alla presenza del Parco Giochi Rainbow Magicland, sono sorti tantissimi bed and breakfast Valmontone. Queste strutture sono abbastanza economiche ed offrono un buon servizio di accoglienza. Non avrete difficoltà a trovare una sistemazione in tutti i mesi dell’anno, tranne che in Agosto.
Come arrivare a Valmontone
Valmontone è raggiungibile in vari modi. Sorge sulla Via Casilina, arteria importantissima che collega Roma con Napoli. Ma il percorso consigliato resta l’autostrada A1 Milano-Roma con uscita al casello di questo centro laziale.