Archivio tag: viaggio nel Salar

Diario di viaggio nel Salar

 

Diario di viaggio nel Salar

Un viaggio da Sucre a San Cristobal passando per Potosì, con protagonista indiscusso il Salar dell’Uyuni, distesa infinita di sale, uniforme e ipnotica, dove lorizzonte cessa di esistere.
Il documentario racconta l’incontro con il Salar, ma anche con le sue genti. Narra la scoperta di paesaggi incantevoli, colori e persone dove ogni forma di vita sembra impossibile. Un tuffo fra le bellezze naturali e umane della Bolivia.

Il Salar de Uyuni è un enorme deserto di sale che, con i suoi 12.000 km², è la più grande distesa salata del mondo. È situato nei dipartimenti di Potosí e di Oruro, nei pressi della città di Uyuni, nell’altopiano andino meridionale della Bolivia, a 3.650 metri di quota.

Si stima che il Salar de Uyuni contenga 10 miliardi di tonnellate di sale di cui meno di 25.000 tonnellate vengono estratte annualmente. È formato approssimativamente da 11 strati con spessori che variano tra i 2 e 10 metri, lo strato superficiale ha un spessore di 10 metri. Rappresenta un terzo delle riserve di Litio del pianeta e importanti quantità di Potassio, Boro e Magnesio.


Circa 40.000 anni fa faceva parte del lago Minchin, un gigantesco lago preistorico. Quando il lago si prosciugò si formarono i due attuali laghi Poopó e Uru Uru e i due deserti salati Salar de Coipasa e il gigantesco Salar de Uyuni.

Secondo le leggende Inca nel deserto vi sono gli Ojos de Salar (occhi del deserto di sale) che inghiottivano le carovane. Si tratta di buchi nella superficie salata dai quali esce l’acqua sottostante che in certe condizioni di luce sono quasi invisibili diventando così pericolosi.